La Strada del Vino dei Colli del Trasimeno

La Strada dei Colli del Trasimeno, prende il nome dall’omonimo lago, situato nella parte settentrionale dell’Umbria, al confine con la Toscana ed è il quarto lago d’Italia per dimensioni; le sue sponde sono ricche di storia, è celebre l’omonima battaglia tra romani e cartaginesi. Il clima mite, dovute al bacino del lago e la ridotta superficie collinare permette un habitat ideale per i vitigni che permettono la produzione di ottimi vini DOC.

La strada si snoda attraverso le cittadine di Corciano, Magione, Passignano, Tuoro, Castiglione del Lago, Panicale, Paciano, Città della Pieve, Piegaro, Umbertide; attraversa il territorio interessato dalla coltivazione e produzione dei vini Doc Colli Del Trasimeno, dei Colli Altotiberini e dei Colli Perugini.

La  denominazione Vini Doc Colli Del Trasimeno è stata riconosciuta ufficialmente nel 1972, attraverso il decreto dell’allora Presidente della Repubblica.

 

Corciano

Corciano affonda le sue origini nell’epica classica: secondo alcune leggende deve il suo nome a Coragino, compagno di Ulisse.  Possenti mura di cinta, risalenti al XIII secolo, racchiudono la cittadina; le porte di accesso sono due: una posta a nord, Porta Santa Maria, e una a sud, Porta San Francesco. Per gli amanti di storia dell’arte è una tappa fondamentale la Chiesa di Santa Maria Assunta; al suo interno sono collocate due capolavori, una attribuita al Perugino, l’Assunta e una al Bonfigli, il Gonfalone.

Magione

Magione a pochissima distanza dalle sponde orientali del lago, è un luogo ideale per gli appassionati di botanica e di zoologia. Essendo situato sull’itinerario della Via Francigena, in passato rappresentava un importante crocevia e molti pellegrini vi sostavano; ciò rese necessaria la costruzione di un edificio che li accogliesse, una Magione appunto. Il nome, successivamente, diventò di uso comune per indicare l’agglomerato urbano sviluppatosi intorno. All’interno del comune sorge il borgo di San Feliciano, caratterizzato da viuzze strette e case in pietra e suggestivi scorci panoramici.

Passignano

Passignano è situato sulle sponde settentrionali del Lago Trasimeno. Il comune è costituito da un abitato relativamente moderno, sviluppatosi a cavallo tra ‘500 e ‘600 e dal suggestivo centro storico, legato alla Rocca che sovrasta il lago; questa ha origini Longobarde, la costruzione di quella che inizialmente era nata come fortezza militare, si colloca tra il V e il VI secolo. Il nucleo più antico è ancora oggi cinto da mura medievali, costruite durante la contesa per il dominio del borgo tra Arezzo, Perugia e Firenze.

Tuoro

Tuoro, antico villaggio di pescatori, fu costruito in epoca medievale; ma il territorio è passato alla storia per la battaglia del 217 a.C., quando Annibale annientò l’esercito romano.  Nel giugno 2017 è stato inaugurato il museo di Annibale, che ricostruisce, grazie alla tecnologia 4D con effetti tridimensionali e multisensoriali, la catastrofica sconfitta di Roma.

Castiglione del Lago

Castiglione del Lago è situato sulle rive occidentali del Lago, e confina direttamente con la Toscana.   Anticamente il territorio attualmente occupato da Castiglione, costituiva la quarta isola del Trasimeno; in seguito all’abbassamento delle acque  si è creata una pianura alluvionale. I primi ad abitarla furono, molto probabilmente, gli Etruschi, come suggeriscono vari reperti; seguirono i romani e ciò è visibile nella pianta stessa della cittadina. Castiglione ebbe un passato burrascoso, occupando nel medioevo una posizione strategica lungo l’asse di comunicazione che univa le città di Orvieto, Chiusi e Arezzo. A lungo contesa tra Arezzo, Cortona e Perugia, fu distrutta nel 1247 da Federico II. Oggi è considerata la terrazza dell’Umbria per la sua posizione privilegiata.

 

colli-del-trasimeno

Panicale

Panicale è un piccolo borgo ed è quasi una tappa d’obbligo, poiché custodisce numerosi tesori dell’arte rinascimentale. All’interno della chiesa di San Sebastiano è possibile ammirare il Martirio di San Sebastiano affrescato dal Perugino; mentre nel Santuario della Madonna di Mongiovino è possibile ammirare: diversi dipinti di Niccolò Circignani detto il Pomarancio e dei pittori fiamminghi Johannes Wraghe e Arrigo Van der Broeck.

Città della Pieve

Città della Pieve è la patria di Pietro Cristoforo Vannucci, noto come il Perugino, artista italiano molto attivo tra il XV e il XVI secolo, nonché maestro di Raffaello.  La cittadina affonda le sue radici in epoche lontanissime; non si sa con precisione se Etruschi e Romani avessero stabilito i propri insediamenti nei territori su cui oggi sorge l’attuale cittadina, ma sono stati rinvenute diversi reperti ricollegabili ai due popoli. La città fu poi coinvolta in numerose vicissitudini durante il periodo medievale e vide alternarsi numerosi signori; è proprio in questo periodo che il Città della Pieve assume la propria conformazione urbanistica.

Umbertide

La strada del vino dei colli del Trasimeno termina con il comune di Umbertide, una cittadina che sorge nell’Alta Valla del Tevere, è attraversata dallo stesso fiume e dal torrente Reggia. Il centro storico molto caratteristico presenta ancora le cinta murarie di epoca medievale, collocate in quei tratti in cui il borgo incontra i corsi d’acqua. Una delle attrazioni più importanti di Umbertide è La Rocca, una fortezza medievale a pianta quadrata, costruita nel quattrocento, e alta 31 metri.