Brunello di Montalcino Riserva. Il principe dei vini italiani

Il colore è rosso intenso rubino, tendente al granato. Il suo odore richiama fortemente aromi come il geranio e la ciliegia. Il sapore è asciutto, caldo e robusto, armonico e persistente, un po’ tannico.

Non si fa certo fatica ad amare questo vino.

A Denominazione di Origine Controllata e Garantita, Il Brunello di Montalcino viene prodotto in Toscana, nel territorio del comune di Montalcino in provincia di Siena, ma è uno uno dei vini rossi più amati nel mondo.

brunello di montalcino

Origini del Brunello di Montalcino

Il Brunello, nasce ufficialmente intorno alla metà dell’Ottocento grazie agli studi e all’operato di Clemente Santi, chimico e farmacista, e alla sua collaborazione con un gruppo di viticoltori locali che riconosce nel vitigno Sangiovese Grosso, il più indicato per produrre un vino di alta qualità.

Intorno agli anni ’70 dell’ 800 vengono presentate ad una mostra a Siena le prime bottiglie del vino  Brunello, così denominato proprio per via del colore intenso e scuro dato dal lungo invecchiamento.

Sarà poi con le vendemmie del 1888 e del 1891, che ne decreteranno l’indiscusso successo, che il Brunello inizierà ad essere prodotto, anche se solo per una ristretta cerchia di intenditori.

Nella seconda parte del 900 la produzione del Brunello  riscontrerà una definitiva evoluzione qualitativa del prodotto, seguita da una costante affermazione di notorietà e immagine del nome in tutto il mondo. Questo anche grazie alla concessione nel 1980 della DOCG (primo vino in Italia a ottenerla), prestigioso riconoscimento che segna un ulteriore avanzamento della notorietà nazionale ed internazionale.

Il Brunello nella cultura popolare

Il Brunello è testimone di numerose cene e spettatore  di tanti fatti e storie. E’ addirittura coinvolto in un caso di omicidio di Hercule Poirot, il celebre investigatore belga, personaggio di fantasia nato dalla penna della scrittrice Agatha Christie. L’assassino per difendersi dall’accusa di omicidio erroneamente dichiara: “al momento del delitto stavo degustando con gli amici una bottiglia di Brunello di Montalcino del millenovecento…“. Peccato che l’annata in questione non fu mai prodotta, proprio come tutte quelle non  vengono ritenute all’altezza.

Oltre ad essere uno dei grandi vini italiani, il Brunello di Montalcino rappresenta un simbolo dell’italian style: sempre presente su tutte le tavole più importanti del mondo (attori, politici, cantanti e perfino la regina Elisabetta d’Inghilterra) ed in tutte le occasioni principali, ottiene ampi assensi in tutte le circostanze per il suo sapore e le sue fragranze, donando piacere e gusto.

Stefano Campatelli direttore del del Consorzio del Brunello ci rivela il segreto del Brunello: «Il successo di un vino dipende da tre fattori: il territorio è cioè l’insieme delle condizioni ambientali che offre una zona di produzione, il vitigno, e la componente umana che è quella che deve interpretare i due fattori precedenti.”

La qualità del vino e la sua longevità possono variare, ecco perché diventa importante avere a disposizione un’ampia scelta delle annate come quella presentata da Brunello Reserve. Nello shop online sono disponibili le migliori bottiglie di Brunello di Montalcino, corredate da dettagliate schede tecniche a disposizione degli amanti del vino di qualità senza compromessi.